Indice articolo
Carta di Clan
Pagina 2
Pagina 3
Tutte le pagine

TRADIZIONI E CERIMONIE
Sono i momenti di particolare rilevanza, vissuti all’interno del C/F , che vogliamo trasmettere, affinché le tradizioni e le emozioni venutesi a creare, possono essere sempre rivissute.

PASSAGGIO
Capo: cosa ti aspetti dal C/F?

Cosa vuoi dal C/F?

PASSAGGI IN C/F DEI NOVIZI:

il clan e disposto su due file parallele con le braccia attaccate gli uni e gli altri, il novizio salta sulle braccia del clan e viene pronunciato il motto del C/F (Clan Fuoco sempre pronti per: SERVIRE) al servire la persona viene lanciata in alto il più possibile. Questa cerimonia ha un significato: la fiducia che ogni persona ripone negli altri, ”con l’aiuto di tutti si va in alto”. È tradizione organizzare una cena ed un fuoco di saluto ai partenti. Durante il fuoco vengono lette le lettere dei partenti e con lo scambio di ricordini fra questi ultimi ed il C/F. la prima riunione di C/F verrà organizzata con una cena d’accoglienza per gli ex-novizi.

FIRMA DELLA CARTA DI CLAN
Per quanto riguarda questa cerimonia, preferiamo svolgerla in maniera diversa anno per anno, tenendo conto delle circostanze e delle esigenze di coloro che dovranno firmare il loro impegno.

Nel periodo di Natale, Pasqua, Pentecoste, vengono svolte attività liturgiche. La notte di Natale ci si ritrova per lo scambio degli auguri e d i regali fatti da noi.

È abitudine al termine di ogni uscita, attività o servizio verificare l’andamento del C/F.

All’inizio dell’anno il C/F s’impegna insieme al noviziato, a svolgere il capito.

Ogni componente del C/F sarà chiamato a svolgere  il proprio servizio. Il primo sarà extra associativo, il secondo anno sarà associativo, il terzo anno sarà associativo o extra associativo ed il quarto anno sarà associativo. Il C/F per creare un’occasione d’incontro e condivisione fraterna s’impegna ad organizzare ogni anno il”torneo di pallascout”,dedicato alla branca E/G, ed il “torneo di roverino”, dedicato alla branca R/S, da utilizzare anche come attività di autofinanziamento. È tradizione organizzare la festa della parrocchia. Il C/F richiede al terzo anno che ogni R/S posso confrontarsi sulle proprie scelte di servizio partecipano alla ROS, cantieri ed altre attività proposte dall’associazione. All’inizio dell’anno scout, il C/F organizza una cena con i genitori di ogni R/S, per presentare il programma annuale.

PARTENZA
Si da la partenza dopo che i capi e la comunità hanno riconosciuto che il R/S ha fatto propri i valori e i contenuti proposti dallo scoutismo. La partenza può essere di due forme: associativa ed extra associativa. È opportuno far conoscere ai partenti il patto associativo.
CERIMONIA DELLA PARTENZA
Prima della benedizione, alla conclusione della Santa Messa i partenti dispongo le rispettive lettere di partenza sull’altare, un membro di ciascuna branca consegna ad ognuno gli omerali che ricordano quello di ciascuno “età scout”
-IL GIALLO: è il colore dei lupetti, il colore del sole, perché la gioia illumini chi ti circonda.

-IL VERDE: è il colore degli esploratori, il colore di tutto ciò che cresce, di tutto ciò che è speranza, perché noi ti consideriamo arrivato.

-IL ROSSO: è il colore dei rover, il colore dell’amore, perché tu non abbia a risparmiarlo nei giorni che dio ti donerà.

Nel frattempo si preparano le FORCOLE: simbolo R/S; ti indica la scelta delle strade che si pongono dinanzi a te: la vita facile e la vita difficile, l’età delle scelte.

La forcola “perché in ogni istante della vita sarai chiamato ad una scelta”. La FIACCOLA “perché devi portare agli altri la tua testimonianza ed essere luce per il mondo”. Quindi i partenti si pongono intorno all’altare, di fronte ai capi e al sacerdote per esprimere la scelta e per ricevere la benedizione.

CAPI: cosa chiedete?

R/S: la partenza

CAPI: siete consapevoli che partire significa servire Dio i fratelli secondo i valori dello scoutismo e nello spirito del VANGELO?

R/S: Si

CAPI: ognuno di voi esprima la propria scelta di servizio.

R/S: Io…intendo servire Dio ed i miei fratelli secondo i valori dello scoutismo e nello                         spirito del Vangelo entrando a far parte…

Ogni R/S si avvicina ai capi e facendo il saluto scout riceverà il vangelo.

CAPO: Ricevete questo vangelo che dovrete testimoniare ed annunziare come segno      del nostro amore e dell’appartenenza a cristo ed alla chiesa.

Recitate insieme la preghiera semplice che trovate nel vangelo, questa preghiera sarà il vostro programma di vita; restate fedeli agli insegnamenti ricevuti nella vostra vita scout e crescete nella conoscenza e nell’amore di DIO.

(avvicinandosi all’assistente ecclesiastico)

R/S: Padre prima di partire voglio ricevere la benedizione di DIO.

I R/S si mettono in ginocchio per ricevere la benedizione, quindi ognuno prende il suo zaino, saluta i capi e la comunità di C/F, disposti su due file, mentre s’intona un canto, poi ci si allontana con una fiaccola in mano.